Maggio 29, 2020

La professione dell’investigatore privato

Quando c’è bisogno di un investigatore privato

Essere vittime di un raggiro, che potrebbe essere durato anche per un lungo periodo di tempo, potrebbe danneggiarci dal punto di vista personale, lavorativo ed economico.

A nessuno piace scoprire di essere stati presi in giro, ma ignorare dei sospetti fondati può portare a delle conseguenze ben più gravi.

E’ in casi del genere, per scoprire in maniera inconfutabile quale sia la verità, che si può ricorrere ad un investigatore privato.

Probabilmente abbiamo un’idea abbastanza romanzata in merito a questa figura professionale, dovuta al fatto che siamo amanti di film o serie televisive di spionaggio.

E’ comunque vero però, che chi desidera intraprendere una carriera nel mondo dell’investigazione deve sviluppare alcune caratteristiche che ben vengono descritte anche nel mondo della finzione.

Partiamo con il dire che si tratta a tutti gli effetti di una figura professionale riconosciuta che può aver seguito un corso di formazione specifico. Solitamente si inizia la propria carriera in un’agenzia di investigazione, dove potremmo dover affiancare un investigatore esperto.

Con l’esperienza bisognerà coltivare alcune attitudini indispensabili per poter diventare un investigatore di successo.

I due rami dell’investigazione

I due grandi campi di applicazione dove le persone sono alla ricerca di un esperto sono le investigazioni personali e quelle aziendali.

Nel primo caso, la parte che sospetta di ricevere un torto contatta il professionista per ottenere delle prove. Si tratta per lo più di questioni piuttosto spinose ma che rientrano nella sfera professionale.

Un coniuge che sospetta di essere tradito di solito si avvale di questo tipo di servizio.

Un investigatore aziendale invece viene ingaggiato da un’azienda, ma anche da un ente, pubblico o privato, che vuole sincerarsi dell’affidabilità dei propri dipendenti.

Alcuni tra i comportamenti scorretti che possono apportare un danno significativo alla nostra azienda sono l‘infedeltà aziendale, lo svolgimento del doppio lavoro e l’assenteismo ingiustificato.

Sottrarre di nascosto informazioni riservate della propria azienda per passarle ad un’azienda concorrente è il classico caso di infedeltà aziendale.

Un dipendente che nelle ore in cui viene pagato già da un datore di lavoro svolge un secondo lavoro sta effettivamente rubando la paga che gli viene offerta.

Il caso più conosciuto di assenteismo ingiustificato è legato alla falsa malattia, laddove un dipendente non trascorre il periodo di convalescenza dove ha indicato, perché effettivamente la malattia è stata soltanto una scusa per non lavorare ed occuparsi di altro, mentre si viene comunque pagati.

Tra le competenze che un investigatore andrà a sviluppare c’è sicuramente quella di sorvegliare una persona senza farsi notare, di ottenere informazioni grazie ad una dialettica convincente e persuasiva e di attendere pazientemente durante un appostamento per cogliere in flagrante la persona che si sta sorvegliando.

Dovrà conoscere anche i limiti di legge entro cui muoversi. Delle prove ottenute violando la legge o i diritti della persona seguita possono essere inutilizzabili in tribunale.

Per altre informazioni su come diventare investigatore privato o sul tipo di professionista di cui abbiamo bisogno, possiamo visitare il sito https://investigazioniaziendali.agency .

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *