Ottobre 7, 2020

Fare Ginnastica a casa nella maniera corretta

Per mantenersi in forma bisogna fare ginnastica, all’aperto o al chiuso, in palestra oppure a casa. Quelle ore settimanale o giornaliere dedicate al movimento rafforzano la muscolatura, bruciano i grassi in eccesso, migliorano l’equilibrio e la postura, rafforzano il fiato e la resistenza, contrastano molti problemi psicologici legati a fattori come stanchezza, demotivazione e stress. Svolgendo ginnastica ci creiamo la possibilità di superare ogni giorno dei piccoli ostacoli legati alla resistenza, alla forza muscolare e all’elasticità dei movimenti. Con l’attività fisica si cambia ogni giorno in meglio e sia medici che psicologi la raccomandano per stare bene a tutte le età. La ginnastica può essere fatta a casa con e senza attrezzi, si inizia sempre senza attrezzi con esercizi semplici di riscaldamento, scioltezza e resistenza.

Ginnastica a casa, con o senza attrezzi?

La cyclette pieghevole online è uno strumento ginnico piacevole per la casa. Permette una ginnastica dolce e rilassante anche per le persone meno esperte. Invece, rappresenta un’integrazione importante per gli sportivi che tutti i giorni si allenano fuori casa ma qualche volta sono impossibilitati ad uscire.

La ginnastica a casa come in palestra prevede momenti in cui si usano gli attrezzi e no. Molti esercizi di riscaldamento, ad esempio si fanno su tappeto. Questo vale anche per l’home fitness che alterna tappeto e attrezzi ricavati anche da cose che abbiamo a casa, ad esempio le bottiglie riempite di acqua fungono da pesetti per le braccia.

Quando fare ginnastica: i momenti ideali e non

Se si è alle prime armi ma anche già abituati allo sport è importante imparare a rispettare il fisico. Mai fare troppe ore di esercizi magari partendo da quelli difficili, mai sottovalutare la fase del riscaldamento o del defaticamento quando si è esperti. Il nostro corpo vuole anche riposarsi e non essere stravolto all’improvviso, le conseguenze sarebbero devastanti, pensate ad uno strappo muscolare, una contrattura o una storta magari perché non sono sciolti bene i legamenti. Questa prima regola sono proprio i coach e gli allenatori a spiegarlo prima di iniziare. Inoltre è importante che scegliate dei momenti opportuni per allenarvi, ad esempio mai dopo un pasto molto abbondante, non tutti possono fare la corsa a digiuno o riescono. Se avete febbre, influenza e state male, rispettate il vostro organismo e impegnatevi a guarire prima di tutto.

Fasi dell’allenamento: riscaldamento e defaticamento

L’allenamento sportivo ha delle fasi da rispettare, partiamo dal riscaldamento muscolare. Riportiamo l’esempio della corsa, vi è mai capitato di correre all’improvviso e provare sibito qualche dolore, ad esempio al fianco oppure alle gambe? Ebbene, è la prima conseguenza di chi fa uno sforzo improvviso senza allenamento.

In qualsiasi attività sportiva o ginnica, soprattutto quando i muscoli dovranno sostenere uno sforzo molto intenso, ad esempio i pesi, è importante il riscaldamento, la preparazione del corpo e delle energie contenute all’interno dei tessuti.

Prima di inizare gli esercizi più difficili o lo sport stesso bisogna sciogliere articolazioni e legamenti, esercitarli negli allungamenti graduali prima che improvvisi, preparare anche il nostro respirto e battito cardiaco ad un ritmo più intenso. Tutto ciò serve a non creare danni importanti sul nostro corpo come strappi muscolari, contratture o distorsioni. Anche una respirazione forte e improvvisa dovuta allo sforzo può creare dei dolori improvvisi, ad esempio intercostali.

Non sottovalutiamo anche il finale corretto di ogni allenamento di ginnastica, infatti il corpo dopo sforzi e ritmi intensi necessità di riadattarsi alla normalità. Ciò avviene con degli esercizi non solo più rilassanti ma anche graduali perché riportano muscoli, tendini e articolazioni alla condizione di prima seppur rafforzati ed energizzati dalla ginnastica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *