Dicembre 11, 2020

Operatore telefonico: quale scegliere?

Per tutti quelli che hanno un telefono cellulare è necessario affidarsi a un operatore di telefonia mobile, che consente di chiamare, mandare SMS e navigare su Internet a fronte del pagamento di una tariffa, la quale di solito è fissa e mensile.

Per capire quale scegliere, però ci si deve saper destreggiare tra una grande quantità di soggetti e offerte diverse, il che non sempre risulta facile. Sono molto utili le opinioni dei consumatori, che si basano sulla propria esperienza per raccomandare certe tariffe o certe reti rispetto ad altre.

Elementi da considerare

Il primo punto da considerare quando si sceglie un nuovo operatore telefonico è di sicuro l’uso che si fa del proprio cellulare: c’è infatti chi ha un telefono aziendale che usa soprattutto per fare chiamate, chi invece lo utilizza per andare su Internet e guardare contenuti in streaming. Infine, c’è chi usa ancora gli SMS e chi invece predilige app di messaggistica online. In base a queste distinzioni, si possono trovare diverse offerte adatte a ogni tipo di utente, che calibrano minuti di chiamate gratis, giga disponibili e costi a seconda delle diverse circostanze.

Il secondo elemento è il costo, che varia in base al contenuto dell’offerta e che di solito si basa su tariffe fisse mensili, anche se ci sono ancora casi in cui viene pagata la singola operazione.

Infine, è importante considerare la copertura della rete del singolo operatore, in quanto ciascuno si appoggia a una linea diversa e si deve essere certi che quella scelta sia utilizzabile senza problemi dalla propria abitazione o dalle altre zone che si frequentano.

Cosa sapere quando si va all’estero

Per chi ama viaggiare o si reca spesso all’estero per lavoro, è bene conoscere alcuni particolari riguardo alla telefonia mobile. Innanzitutto, sarà necessario distinguere tra i paesi europei ed extraeuropei, perché ci sono regole diverse per i due casi.

Nei paesi facenti parte dello Spazio economico europeo (SEE), che comprende Unione Europea e Norvegia, Islanda e Liechtenstein, dal 2017 sono stati rimossi tutti i costi telefonici aggiuntivi, potendo quindi continuare a usare quelli del proprio piano tariffario durante la permanenza nel paese terzo.

Per quanto riguarda i paesi extraeuropei, invece, è ancora attivo il roaming: esso è una modalità che permette a un operatore di agganciarsi a linee telefoniche non sue, per consentire al consumatore di effettuare chiamate anche al di fuori del proprio Stato. In tal caso, però, ci saranno delle maggiorazioni sui costi, spesso molto elevate. Quindi, se vi trovate a viaggiare in questi paesi, è bene che vi informiate con la vostra compagnia telefonica per sapere cosa sia meglio fare.

 

In conclusione, per scegliere l’operatore di telefonia mobile più adatto alla propria situazione si devono tenere in considerazione diversi elementi, tra cui l’utilizzo che si fa del proprio cellulare, i costi delle tariffe e delle offerte e la copertura della rete. In più, se si fanno dei viaggi al di fuori dello Spazio economico europeo ci si deve informare bene sui costi aggiuntivi previsti. Per capire quale decisione prendere, è bene leggere le recensioni degli altri utenti, che spesso mettono in luce gli aspetti più importanti delle diverse compagnie.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *